Seleziona una pagina

La storia del party più trasgressivo d’Italia che ha influenzato un’intera generazione nei primi dieci anni del nuovo millennio. Il racconto, ancora inedito, che parte dalla metà degli anni ’90 e dal Muccassassina dove la regina Vladimir Luxuria scoprì il talento di Emanuele Inglese. La testimonianza di chi ha reso grande un evento che poi è divenuto un vero e proprio fenomeno di costume. Nell’arco di tempo di una notte si ripercorrono le tappe fondamentali di questa storia, a pochi giorni dalla morte di Lou Bellucci, storico vocalist romano del Diabolika venuto a mancare il 15 settembre 2017. Da cornice le sonorità della tech-house, unite alle immagini inedite delle serate più famose dell’NRG di Ciampino ed un’ attenta analisi di quella che è stata parte della società italiana, ciò che ha caratterizzato i giovani ed il popolo della notte dei primi anni duemila.

 

Caratteristiche

TITOLO: Generazione Diabolika
GENERE: Documentario
DURATA: 70 minuti
COLORE: 10 bit
PRODOTTO DA: Giuseppe Di Renzo, Silvio Laccetti e Gianmarco Capri
REGIA: Silvio Laccetti
DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA: Gianmarco Capri
SCENEGGIATURA: Silvio Laccetti
MONTAGGIO: Giuseppe Di Renzo
NAZIONALITA’: Italia
ANNO: 2018

Cosa é stato il Diabolika

Un party house nato a Roma nel 2003 che si è affermato sulla scena internazionale diventando un fenomeno di costume.

I dj romani più in voga in quel periodo, a partire da Emanuele Inglese affiancato da D-Lewis, Paolo Bolognesi, Emix e in un secondo momento Simone Lp. Insieme a loro i vocalist Henry Pass (drag queen) e Lou Bellucci.

Cosa é stato il Diabolika

Un party house nato a Roma nel 2003 che si è affermato sulla scena internazionale diventando un fenomeno di costume.

I dj romani più in voga in quel periodo, a partire da Emanuele Inglese affiancato da D-Lewis, Paolo Bolognesi, Emix e in un secondo momento Simone Lp. Insieme a loro i vocalist Henry Pass (drag queen) e Lou Bellucci.

Quando è nata?
È nato nel 2003 ed è restato attivo fino al 2011. Successivamente è stato trasformato nell’History Diabolika.
Qual è stata la sua particolarità?
È stato il frutto di un bisogno di una parte della società di quel periodo. È riuscito a far permeare il proprio concept, mischiando alla propria veste trasgressiva, dark e demoniaca, le sonorità della tech-house, fino a diventare prima un fenomeno di costume e poi un vero e proprio brand che ha influenzato le giovani generazioni di quegli anni. È stato in assoluto il party più trasgressivo d’Italia e l’unico ad essere stato esportato all’estero.
Perché è importante la sua storia?

Parte dalla scena romana con le premesse del Muccassassina e del party Scandalo, per poi affermarsi sulla scena internazionale. Ha caratterizzato la vita del popolo della notte nei primi dieci anni del nuovo millennio, all’interno di un contesto socio-culturale diverso da quello attuale, influenzando il concept di tutti i party house italiani. La sua storia non è mai stata raccontata.

Seguici su

Powered by: Pianeta Marketing